Black Widow

Cari lettori e lettrici,

benvenuti in questa nuovissima rubrica “Ciak” del neonato blog Ermes dedicata al Cinema dove vi informeremo sui film in uscita e recensiremo quelli disponibili nelle sale cinematografiche e piattaforme digitali. 

Ci piacerebbe iniziare con una pellicola tanto desiderata quanto criticata: Black Widow. Siamo certe che ne avrete sentito parlare e se siete appassionati dai film della MCU, siamo sicure che il 7 Luglio sarete corsi nelle sale della vostra città per il primo spettacolo disponibile, come per gli altri film Marvel usciti negli ultimi anni. In alternativa, se siete tra i fortunati abbonati a Disney +, per vederlo dovevate solo accendere la TV o il vostro pc. 

Quest’ultima produzione, la ventiquattresima, la prima della “Fase Quattro”, rilasciata in contemporanea sia negli Stati Uniti che in Italia a Luglio 2021, è stata prodotta da Cate Shortlan ed è ancora disponibile sul grande schermo.

La trama di questo film d’azione è basata sulla vita di Natasha Romanoff, interpretata dall’attrice statunitense Scarlett Johansson. La protagonista è cresciuta per alcuni anni in Ohio, con la sua famiglia composta dalla madre Melina, il padre Aleksej e la sorellina Yelena. In realtà quella famiglia si rivelerà solamente una copertura: la maggior parte della vita di Natasha e della della sorella è, infatti, passata nella “stanza rossa”, dove vengono addestrate e manipolate, per un progetto segreto che le renderà assassine perfette. Anni dopo Yelena le farà avere un antidoto ed è a questo punto che inizierà una missione che riporterà “a casa” Natasha, facendole ritrovare la madre adottiva e il padre.

La colonna sonora, dopo molta indecisione, è stata affidata al compositore e produttore discografico scozzese Lorne Balfe. La cover del celebre brano dei Nirvana “Smells Like Teen Spirit“, che accompagna i titoli di testa di Black Widow, sembra un vero e proprio omaggio a quelli dei film di 007. Inoltre, sono presenti due brani tratti da altri due film: nelle battute finali si può sentire il tema dei Vendicatori composto da Alan Silvestri mentre in una delle prime scene c’è un riferimento alla colonna sonora di Terminator 2. Quando Yelena e Natasha scappano dalla casa sicura di Budapest mentre Taskmaster le insegue, è impossibile non notare la somiglianza con il brano dell’iconica scena di inseguimento in bicicletta di Terminator 2!

A proposito del cast, al fianco della bellissima protagonista, compaiono Yelena Belova, sorella di Natasha, Vedova Nera, interpretata dall”ammaliante Florence Pugh; Alexei Shostakov, Guardiano Rosso, interpretato da David Harbour; l’esperta spia Melina Vostokoff, interpretata da Rachel Weisz.

A nostro giudizio questo film non ha brillato: dopo un lungo lockdown le aspettative erano molto alte e ci saremmo aspettate una storia in grado di raccontare la vita di Natasha in modo più fluido e accurato. È presente un gap temporale che passa dal momento del distacco delle piccole sorelle dalla loro famiglia ad una fase in cui sono già adulte, in cui le sentiamo continuamente ripetere quanto sia infernale la “stanza rossa” e quanto sia indispensabile distruggerla, anche se chi è dall’altra parte dello schermo non capisce perché sia così terribile. Nella scena post credit, c’è un lungo spoiler di Avengers: Endgame che, per chi non ha visto il film, potrebbe essere poco gradito. Sempre in quella scena vediamo Yelena alquanto determinata a cercare Clint Barton per ucciderlo quando in realtà lui non è stato la causa della morte di Natasha: quest’ultima, infatti, si è volutamente sacrificata per ottenere la gemma dell’anima necessaria per completare la missione e sconfiggere Thanos. Clint non l’ha indotta né costretta a farlo con la forza. Troviamo questa continuazione piuttosto forzata e inutile, visto che ormai Scarlett Johansson non riapparirà più nei panni del suo personaggio.

Assegneremmo a questo film un 7 scarso, è stato sicuramente un piacevole intrattenimento ma avrebbe necessitato di maggiore accuratezza. Ne consigliamo la visione ad un pubblico che abbia già conosciuto il personaggio di Natasha Romanoff nel film Avengers: Endgame.

Aurora Sabattini, Elisa Ruggeri